La Creazione è colma di promesse

Commento di Don Matteo Bondavalli, Incaricato diocesano per la Musica liturgica e nelle chiese all’Elevazione Spirituale del 9 dicembre 2018, in occasione del VI anniversario di ordinazione Episcopale di S.E. Mons. Massimo Camisasca.

Reggio Emilia, 7 dicembre 2018

Il suono dell’oboe, che avremo modo di apprezzare anche in occasione di questa elevazione spirituale (del 9 dic 2018 n.d.r.), suscitò in Benedetto XVI la seguente riflessione: «È stato commovente osservare come da un pezzo di legno, da questo strumento, fluisca un intero universo di musica: l’insondabile e il gioioso, il serio e il faceto, il grandioso e l’umile, il dialogo interiore delle melodie. Ho pensato quanto è magnifico che in un piccolo pezzo creativo si nasconda una tale promessa, che il maestro può liberare. E ciò significa che tutta la creazione è colma di promesse e che l’uomo riceve il dono di sfogliare questo libro di promesse almeno per un po’» (Castel Gandolfo, 2 agosto 2009).

                Ascoltando e ripercorrendo brani di musica sacra antica, rinascimentale e moderna, oltre all’oboe di Francesco, anche le voci della Cappella Musicale, il flauto di Patrizia e l’esecuzione all’organo di Mariagrazia, sotto la guida del maestro Primo Iotti, ci permetteranno di sfogliare pagine di bellezza che elevano la mente e il cuore a Dio.

                In questa “creazione colma di promesse”, speranza e bellezza sono chiamate a quell’incontro che ancora oggi offre al nostro cuore l’opera educativa di cui il Vescovo ci ha parlato nel recente Discorso alla Città per la festa di san Prospero, nostro patrono. L’ascolto di queste melodie nel contesto suggestivo della Cattedrale è anche, così come viene indicato nel nome di questo appuntamento, un’elevazione spirituale, partecipazione all’opera creatrice di Dio che sempre si dischiude nel contemplare la bellezza.

                Con gratitudine la nostra Chiesa di Reggio Emilia – Guastalla si stringe attorno al vescovo Massimo per questo VI anniversario di Ordinazione episcopale. Con queste pagine di musica sacra, espressione della nostra riconoscenza, ci uniamo alla preghiera che oggi, II domenica di Avvento, tutta la Chiesa eleva a Dio: «…il Signore verrà a salvare i popoli e farà sentire la sua voce potente per la gioia del vostro cuore» (Colletta, Dom. II Avv.).

Don Matteo Bondavalli


Per vedere le foto dell’Elevazione Spirituale, cliccare qui e scorrere la pagina verso il basso.


Di seguito il programma dell’Elevazione spirituale e la biografia dell’autore Jacques Berthier

Programma

Jacques Berthier                   Salve Regina                       Gregoriano

Jacques Berthier                   Ave Maris Stella                 Saverio Bonicelli   (1903-1983)

Jacques Berthier                   Concordi lætitia                 Gregoriano

                                                 Sub tuum presidium         Domenico Bartolucci (1917-2013)

Jacques Berthier                   Ubi caritas et amor            Maurice Duruflè  (1902-1986)

Jacques Berthier                   Adoro te devote                   Gregoriano

Jacques Berthier                   Victime Pascali                    Codice di Las Huelgas (XIII secolo)
Jacques Berthier                   Regina Cæli                           Gregor Aichinger  (1564-1628)
Jacques Berthier                   Alleluia, O filii                     Cappella di Notre Dame

Primo Iotti                              Rorate Cœli                          Gregoriano

 

Jacques Berthier

Jacques Berthier (Auxerre27 giugno 1923 – Parigi27 giugno 1994) è stato un compositore e organista francese, noto per l’ampio contributo alla composizione dei canti della Comunità di Taizé. Figlio di Paul BerthierMaestro di cappella e organista della Cattedrale di Auxerre; viene avviato fin da giovane allo studio del pianoforte, dell’organo, dell’armonia e della composizione. Dopo la guerra, entra nella Scuola di musica César-Franck di Parigi, dove, tra gli altri professori, incontra Edward Souberbielle e Guy de Lioncourt, di cui sposerà la figlia Germaine. Dal 1953 al 1960 è organista della Cattedrale di Auxerre, succedendo in tale incarico al padre; dal 1961 fino alla sua morte è organista nella Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola, la chiesa dei Gesuiti a Parigi.

Nel 1955 inizia a comporre per la comunità ecumenica di Taizé, che era allora una piccola comunità monastica composta da una ventina di fratelli; successivamente, nel 1975, la Comunità si rivolge nuovamente a lui per la composizione di canti meditativi «di forma breve e ripetuti più e più volte»., divenuti caratteristici nel cammino della preghiera a Taizé. Questo modo di pregare è portato avanti insieme a frère Roger, che raccoglie e scrive i testi prima di inviarli a Berthier. La capacità di quest’ultimo di porre il giusto accento sulle parole, anche in lingue per lui straniere, e la creatività che ha mostrato nel comporre la melodia e nell’armonizzare le voci, hanno contribuito alla reputazione di ciò che è spesso chiamata la “musica di Taizé.”

Parallelamente a questo lavoro, Jacques Berthier ha composto per parrocchie cattoliche tradizionali, per grandi raduni, e per comunità monastiche, in uno stile sempre molto personale, ispirato al canto gregoriano.

Muore nella sua casa di Parigi nel 1994, esprimendo il desiderio che la sua musica non venisse suonata al suo funerale, celebrato nella Chiesa di Saint-Sulpice. In oltre venti anni, Berthier ha lasciato un vasto corpus di opere (232 canzoni in 20 lingue diverse) ampiamente usate da comunità locali in tutto il mondo. È inoltre autore di Messe per organo, di una Cantata per Santa Cecilia, di un Requiem e di altre composizioni sacre.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...